Il ROC, Registro degli Operatori della Comunicazione

Registro degli Operatori della Comunicazione: attenzione alle novità. Cosa cambia con l'iscrizione al ROC e quali implicazioni legali rischiano le aziende?

Cosa trovi in questo post dedicato a: Il ROC, Registro degli Operatori della Comunicazione

registro-degli-operatori-della-comunicazione-fx-call-center-software-per-contact-center

Con la legge di stabilità per il 2017 ci sono novità per il call center e per le aziende che si avvalgono dei loro servizi per la propria attività.

Come ormai sapranno tutti gli operatori del settore, o quasi tutti, dal 2 marzo 2017 i call center dovranno iscriversi al ROC: Registro Operatori della Comunicazione.

Registro degli operatori della comunicazione AGCOM Autorità per le garanzie nelle comunicazioni fx call center gestionale per telemarketing e teleselling

Cos’è il Registro degli Operatori della Comunicazione?

Il ROC o Registro Operatori della Comunicazione è un elenco dove si iscrivono tutti gli editori  di contenuti (audiovisivi, cartacei, telematici). La finalità è quella di garantire la trasparenza del mercato delle comunicazioni ed evitare la concentrazione editoriale nelle mani di pochi soggetti.

Tra gli iscritti ci possiamo trovare il nostro operatore telefonico, che sia Telecom, Fastweb o il nostro fornitore di servizi VoIP.

Cosa cambia con il Registro degli Operatori della Comunicazione?

Cambiano le regole, o meglio, ce ne sono di nuove!

Le aziende che delocalizzano il proprio call center all’estero, in un paese Extra UE, devono fornire servizi aggiuntivi durante le attività di telemarketing, teleselling e customare care. Quando un utente viene chiamata dall’estero deve avere la possibilità di scegliere se continuare la conversazione con l’operatore straniero o essere trasferito ad un operatore che risponde dal territorio nazionale italiano.

È cruciale avvalersi di un software call center che fornisca tali funzionalità, gestendo l’inoltro da una sede extra ue ad una localizzata in Italia.

Le novità non sono finite.

Risvolti legali del Registro degli Operatori della Comunicazione

In caso di inadempienza, sia il committente che il gestore del call center rispondono in solido.

Quando un’azienda si avvale dei servizi di un call center deve essere molto più attenta, perché non parliamo di bruscolini, le sanzioni previste arrivano fino a 50 mila euro per ogni giornata di violazione e 150 mila euro per ogni comunicazione omessa.

In conclusione è bene controllare sempre tramite l’elenco pubblico degli operatori di comunicazione se il call center a cui ci affidiamo è iscritto o meno.

Cerchi un software per gestire il tuo Call Center?

Ne abbiamo uno semplice da utilizzare, massimizza l’efficienza del team e ottieni finalmente uno strumento di qualità. Richiedi la Demo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat
1
Scan the code
Ciao!
Come possiamo aiutarti?
Privacy Policy Cookie Policy